Domanda:
Dove isolare il sistema di distribuzione dell'aria a pavimento in un clima temperato
pandita
2015-02-07 12:28:30 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Ho proposto un sistema di distribuzione dell'aria a pavimento (UFAD) per un ufficio a un livello in un clima temperato. Tipicamente la richiesta di riscaldamento e raffrescamento in questo clima riguarda anche gli uffici. Tuttavia l'edificio è ben isolato e ha una discreta quantità di vetri (ombreggiati) a basso valore U sul prospetto esposto al sole.

Ora la domanda si riduce al fatto che la massa termica della lastra sarà complessivamente vantaggiosa o no. Al momento tendo ad avere l'isolamento all'interno del plenum, cioè escludendo l'impatto della massa termica per creare un'alimentazione più controllata, invece di avere l'isolamento sotto la lastra.

Sulla base di alcune ipotesi a mano libera, però, Ho potuto vedere alcuni vantaggi dell'inclusione della massa della lastra al fine di ridurre i carichi di raffreddamento (che mi aspetto essere in qualche modo dominante a causa della vetratura e della quantità di isolamento).

Tuttavia, cosa succederebbe una volta che la lastra è completamente riscaldata, ovvero esaurisce la capacità? Lo eliminerei di notte? Qualcuno può condividere i propri pensieri / esperienze? Quando coibento il plenum, devo includere o escludere il solaio?

Una risposta:
#1
+4
Dave Tweed
2015-02-07 21:05:00 UTC
view on stackexchange narkive permalink

Dipende: è possibile far passare l'aria attraverso il plenum senza far funzionare contemporaneamente il sistema di riscaldamento / raffreddamento attivo? In caso contrario, non otterrai mai il vantaggio della sua capacità di accumulo termico.

Ad esempio, durante il riscaldamento, il plenum sarà sempre più caldo della lastra, immettendovi calore. Per estrarre il calore dalla lastra, è necessario essere in grado di immettere l'aria dell'edificio più fresca della lastra direttamente nel plenum. Sì, ci sarà un certo trasferimento di calore direttamente dalla lastra alle stanze attraverso il pavimento, ma ciò avverrebbe solo vicino al plenum.

La stessa cosa vale, con il flusso di calore invertito, durante il raffreddamento.

Ci sono anche problemi secondari. La risposta transitoria del sistema (cioè la capacità di cambiare rapidamente la temperatura dell'interno dell'edificio) sarà rallentata dalla massa termica del solaio se il plenum non è isolato. Questo potrebbe essere un problema in alcune situazioni.

Inoltre, durante il raffreddamento, potrebbero esserci problemi di condensa nel plenum. Con il raffreddamento attivo, l'umidità in eccesso nell'aria viene rimossa dalle bobine di espansione e il sistema è progettato per gestirla. Tuttavia, quando si esegue il raffreddamento passivo dalla lastra, la condensa si verificherà all'interno del plenum, il che potrebbe causare problemi di manutenzione e affidabilità.

Posso far passare aria non trattata attraverso il plenum e l'idea era di catturare alcuni dei vantaggi del raffreddamento tenendo traccia della temperatura di mandata. La risposta transitoria era qualcosa che abbiamo considerato. Grazie per aver segnalato la condensa, che sicuramente potrebbe diventare piuttosto problematica in questo scenario.


Questa domanda e risposta è stata tradotta automaticamente dalla lingua inglese. Il contenuto originale è disponibile su stackexchange, che ringraziamo per la licenza cc by-sa 3.0 con cui è distribuito.
Loading...